15
Ott
2018

Matera, Murgia Timone. La Festa degli Aquiloni

fotografie di Francesco Giase

Un uomo che non riesce a far volare un aquilone, non riesce a far felice una donna. (Ferzan Ozpetek) …o – aggiungerei – un bambino.

E così mi spiego la “frustrazione” - senza drammi - di tanti genitori che, in una giornata di “bonaccia”, non riuscivano a dare slancio ai pochi grammi di carta vivacemente colorata. Hanno tutti raggiunto con i migliori propositi il Centro di Educazione Ambientale – nel Parco della Murgia materano - e per tutta la mattina non si sono risparmiati nelle corse per riuscire a sospendere anche solo per qualche istante l'aquilone per poi con fierezza 
raccogliere lo sguardo di gioia del proprio piccolo. Infatti Il vento può anche essere virtuale, cioè prodotto dal movimento del pilota. 

Questa tecnica ne consente l'utilizzo anche in assenza di vento e ho potuto osservare la scena tenerissima di molti bambini che rincorrevano, 
per una volta, il proprio papà o la propria mamma. Soltanto nell'ultima ora prima del pranzo più di qualche aquilone ha colorato il cielo grigio per la 
densa foschia. 

Che si faccia volare come segnale in una missione di salvataggio, o per misurare le distanze, per la verifica della velocità del vento, 
per le segnalazioni e le comunicazioni durante le operazioni militari, o usati durante la ricerca e lo sviluppo per la costruzione del primo aeroplano, 
un uomo e il suo aquilone sono ancora capaci di suscitare un romantico stupore e procura sempre le stesse immutate emozioni.
In una giornata di limpida gioia: «e il viso e il cuore, porta tutto in cielo» (Giovanni Pascoli).

È  un passatempo millenario ed ecologico che unisce le generazioni. Iniziano i bambini, poi genitori e nonni si impossessano dell’aquilone
e non lo mollano più. È così che la passione diventa di famiglia. 

In Italia dagli anni ottanta si sono tenuti e continuano a tenersi annualmente diversi festival. I più longevi e importanti, sia dal punto di vista 
delle presenze di pubblico che di aquilonisti sono quello di Cervia, il festival “Vulandra” di Ferrara, “Coloriamo i Cieli” di Castiglione del Lago,
il Festival del Vento di Spotorno e la “festa dell'aquilone” di Urbino.

Anche Matera da un decennio ha la sua Festa degli Acquiloni. La Festa degli Aquiloni nasce con lo scopo di promuovere tra i giovani
e meno giovani forme di divertimento alternative. Obiettivo, non secondario, dell’iniziativa è valorizzare il Parco della Murgia Materana e
proporre modalità di fruizione del territorio materano che privilegino l’esperienza diretta e il divertimento in natura.
I bambini sono nuvole e cielo. Sono fatti per essere aquiloni e il loro cuore, felice, può volare ...e noi con loro. 

 

 



Commenta Matera, Murgia Timone. La Festa degli Aquiloni

Potrebbero interessarti anche: