10
Ott
2018

, , Brian Eno a Matera nel 2019

 

Il primo – grande – nome del programma ufficiale di Matera 2019 è quello di Brian Eno.

Il glorioso musicista, compositore e produttore britannico sarà nella capitale europea della cultura il 18 luglio per una performance musicale live in anteprima europea, nella Cava del Sole.

Lo ha confermato il direttore generale della fondazione Matera-Basilicata 2019, Paolo Verri, a Rimini, durante le iniziative di apertura del TTG Incontri, che hanno previsto anche un momento interamente dedicato alla città Ecoc del prossimo anno.

“Apollo soundtrack”, questo il titolo della performance, celebrerà la missione spaziale sulla luna di Apollo 11, che il 20 luglio del 1969 portò Neil Armstrong sulla Luna, e miscelerà sequenze visive collegate ai suoni. 

50 anni dopo, mentre verso la Luna stanno per partire i primi turisti (un giapponese pare destinato ad essere il primo), tutte le notti dal Centro di Geodesia Spaziale “Giuseppe Colombo” di Matera parte un raggio laser per misurare le eventuali variazioni del nostro asse terrestre, da cui dipende in maniera ineluttabile anche il nostro clima, Matera è dunque un luogo privilegiato di eccellenza mondiale per l’osservazione della Terra e per riflettere sul nostro rapporto millenario con lo spazio e le stelle.

Non bastasse questo legame scientifico, la missione dell’Apollo 11 ebbe come protagonisti non solo gli astronauti in volo (oltre ad Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins) ma anche gli uomini a terra della missione Nasa, coordinata da Rocco Petrone, italoamericano di origine lucana direttore dell’intero programma Apollo.

Prodotto da Lumen London Ltd, lo spettacolo animerà lo spazio della Cava del Sole con proiezioni molto grandi di immagini anche inedite della NASA sulla missione Apollo 11, insieme a immagini in tempo reale generate dal Centro di Geodesia Spaziale “Giuseppe Colombo”.
I brani musicali dell’album Apollo di Brian Eno saranno arrangiati dal gruppo inglese Icebreaker composto da 12 musicisti che nel corso della loro carriera hanno sperimentato con efficacia le relazioni tra la musica elettronica e acustica dal vivo in contesti scientifici come il Museo della Scienza di Londra.

Dopo la prima tappa materana, “Apollo soundtrack” verrà ospitata al Barbican Centre di Londra, contribuendo ad accrescere l’impatto mediatico dell’evento sostenuto da Leonardo nella sua prima ufficiale a livello europeo.



Commenta Brian Eno a Matera nel 2019

Potrebbero interessarti anche: