12
Apr
2019

Il Raskatiello di Teana tra i prodotti tradizionali italiani

Il 12 Marzo scorso, il Raskatiello di Miskiglio di Teana, piatto della tradizione della valle del Serrapotamo, nel Parco del Pollino, è stato inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) istituito dal Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, che ha anche il compito di promuoverne la conoscenza a livello nazionale e all’estero.

Si tratta di un bel risultato su cui ha concentrato la propria attività la Pro Loco del comune della provincia di Potenza, impegnata da sempre nella promozione del ricco patrimonio delle tradizioni del territorio,

La nascita di questo piatto può essere collocata intorno al 1600, periodo nel quale Teana, come il resto della Regione, si ritrovò ad affrontare un periodo di forte carestia dovuta alle continue morti a causa della peste nera e dei terremoti che si susseguirono in quegli anni. Sfamarsi era diventato la priorità e la popolazione fu costretta a cercare un’alternativa: produrre una quantità sufficiente di legumi e da qui il “miscuglio” di farina di grano e farina di fave. 

Data la presenza di altri marchi PAT del tutto affini al Miskiglio, come i Raskatielli di Legumi di Fardella, che rappresenta solo uno dei numerosi punti comuni del territorio del Serrapotamo, ora l’obiettivo primario della Pro Loco teanese è una collaborazione con i paesi limitrofi, che possa portare alla nascita di percorsi turistici che accomunino l’enogastronomia con le tradizioni locali: una filiera corta di produzione che possa portare sia benefici a livello turistico sia benefici di tipo socio-economico.



Commenta Il Raskatiello di Teana tra i prodotti tradizionali italiani